Documenti di viaggio e visti

Botswana

Per l’ingresso in Botswana è necessario essere in possesso del passaporto in corso di validità di almeno 6 mesi e due pagine libere. Il visto consolare non è richiesto per soggiorni turistici inferiori ai 90 giorni.
ATTENZIONE: se si viaggia con minori è necessario portare con sé una copia autenticata e tradotta dell’atto di nascita integrale (Unabridged Birth Certificate).

Canada

Per l’ingresso in Canada è necessario essere in possesso di un passaporto con validità pari almeno alla durata del soggiorno. Si suggerisce tuttavia che il passaporto abbia validità di almeno sei mesi della data di ingresso nel Paese.
Dal 15 marzo 2016 gli stranieri esenti da visto, tra cui i cittadini italiani, diretti in Canada dovranno fare richiesta online dell’eTA (electronic Travel Authorization).

Raccomandiamo di prestare attenzione ai siti non ufficiali, connessi al rischio di truffe e di consultare la seguente pagina.

L’eTA sarà collegata elettronicamente al passaporto del richiedente e sarà valida per cinque anni o fino alla scadenza del passaporto, se questa interviene prima. L’autorizzazione eTA non garantisce, tuttavia, l’automatica ammissione in territorio canadese, che è lasciata alla discrezionalità delle competenti Autorità doganali e di frontiera.

Etiopia

Per l’ingresso in Etiopia è necessario essere in possesso di un passaporto con validità di almeno 6 mesi. Occorre fare richiesta del visto, rilasciato dalle autorità competenti previa compilazione e pagamento online.
Dal 19 giugno 2021 non è più possibile richiederlo in arrivo nel Paese.
ATTENZIONE:i passeggeri in transito da Addis Abeba per un tempo superiore alle 12 ore e che non utilizzino la compagnia aerea di bandiera Ethiopian Airlines dovranno essere dotati di un visto turistico d’ingresso per poter lasciare l’aeroporto.

Groenlandia

La Groenlandia fa parte del Regno di Danimarca ma, in virtù del loro statuto autonomo, applica una disciplina differente per quanto riguarda i documenti di viaggio e la copertura sanitaria. A tutti i cittadini UE è richiesto di munirsi di un passaporto valido (senza visto) ai fini dell’ingresso nel territorio.

Islanda, Norvegia, Svezia e Finlandia

I documenti di riconoscimento accettati sono il passaporto o la carta d’identità valida per l’espatrio, validi per tutto il periodo di permanenza. In alcuni casi (transazioni bancarie, bonifici, etc.) è obbligatorio esibire il passaporto.

Per maggiori informazioni consultare sempre il sito di Viaggiare sicuri.

Kenya

Per l’ingresso in Kenya è necessario essere in possesso di un passaporto con validità di almeno sei mesi e due pagine libere.
E’ obbligatorio, tuttavia, ottenere un’ autorizzazione (eTA) da richiedere online fino a 3 mesi prima della partenza, previo pagamento (circa 30 euro), valida per un singolo viaggio.

Namibia

E’ necessario il passaporto con validità di almeno sei mesi dalla data prevista del rientro e due pagine libere. Nessun visto speciale viene richiesto per soggiorni turistici inferiori ai tre mesi.
ATTENZIONE: se si viaggia con minori è necessario portare con sé una copia autenticata e tradotta dell’atto di nascita integrale (Unabridged Birth Certificate.)

Stati Uniti

Per fare ingresso negli Stati Uniti è necessario possedere un passaporto con data di scadenza successiva alla data prevista per il rientro in Italia.

I cittadini Italiani in viaggio verso gli USA dovranno fare richiesta dell’autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization)online della durata di due anni, o fino a scadenza del passaporto, da ottenere almeno 72 ore prima della partenza. 

Il Programma ESTA ha subito alcune importanti modifiche (dicembre 2015), che comportano nuove condizioni per chi intende viaggiare verso gli Stati Uniti in esenzione da visto. Si sintetizzano qui di seguito le misure di attuazione della nuova normativa, raccomandando anche a chi ha un ESTA in corso di validità di controllare attentamente, prima della partenza, i siti web delle Sedi diplomatiche e consolari statunitensi per verificare la sussistenza della possibilità di essere ammessi negli USA senza visto.

Le principali novità della normativa riguardano:

dal 18 febbraio 2016 le restrizioni si applicano anche per gli individui che si sono recati, dal 1 marzo 2011 in poi, in uno dei seguenti Paesi: Iran, Iraq, Libia, Siria, Somalia, Sudan e Yemen
Per usufruire del programma “Visa Waiver Program” è necessario:
essere in possesso di un passaporto elettronico. Dal 1° aprile 2016, per poter entrare nel territorio degli Stati Uniti in regime di esenzione del visto (attraverso l’ESTA), è introdotto il requisito obbligatorio del possesso di un passaporto elettronico contenente i dati biografici e biometrici del titolare. Si intende per “passaporto elettronico” il libretto dotato di microprocessore);
viaggiare esclusivamente per affari e/o per turismo. Va tenuto ben presente che il soggiorno negli Stati Uniti sulla base di un ESTA non dà alcun titolo a svolgere attività remunerate, anche saltuarie (per cui occorrono specifici visti);
rimanere negli Stati Uniti non più di 90 giorni. La permanenza nel Paese oltre i 90 giorni può compromettere la possibilità di usare nuovamente il programma Visa Waiver. Si attira l’attenzione sul rigore con cui viene applicata la normativa vigente: anche pochi giorni di “Overstay” (permanenza in territorio statunitense oltre il consentito) possono comportare l’intervento delle Autorità americane che può arrivare sino alla detenzione anche per periodi prolungati e/o compromettere la possibilità di futuri ingressi nel Paese.
possedere un biglietto di ritorno.

 

Sudafrica

Per fare ingresso in Sudafrica il passaporto deve avere una validità di almeno 30 giorni dalla data di rientro e due pagine libere.
Per soggiorni turistici inferiori ai 90 giorni non è necessario richiedere alcun visto, ma è necessario compilare online una Traveller Declaration

ATTENZIONE: se si viaggia con minori è necessario portare con sé una copia autenticata e tradotta dell’atto di nascita integrale (Unabridged Birth Certificate).

Svalbard

L’arcipelago delle Svalbard (Longyearbyen) non appartiene all’Area Schengen; sono previsti controlli di frontiera per tutti i passeggeri in arrivo, per tanto i cittadini italiani dovranno viaggiare con passaporto in corso di validità.

Tanzania

Per l’ingresso in Tanzania è necessario essere in possesso di un passaporto con validità di almeno sei mesi dalla data di rientro e due pagine libere. Occorre ottenere un visto di ingresso da richiedere almeno 10 giorni prima della partenza online.

Uganda

Per l’ingresso in Uganda è necessario essere in possesso di un passaporto con validità di almeno sei mesi dalla data di rientro e due pagine libere.
Il visto d’ingresso è ottenibile previa registrazione e pagamento online.

Zambia

Per l’ingresso in Zambia è necessario essere in possesso del passaporto in corso di validità 6 mesi con almeno 3 pagine libere. In ingresso non è necessario richiedere alcun visto.

Zimbabwe

Per l’ingresso in Zimbabwe è necessario essere in possesso di un passaporto con validità di almeno 6 mesi e 2 pagine libere. il visto viene rilasciato in arrivo in aeroporto. Il pagamento dovrà essere effettuato in Dollari americani in contanti (banconote emesse dopo il 2000).
IMPORTANTE: se si viaggia con minori è necessario portare con sé una copia autenticata e tradotta dell’atto di nascita integrale (Unabridged Birth Certificate).

IMPORTANTISSIMO PER VIAGGI CON I MINORI

Per i minori che viaggiano con un solo genitore o persone diverse dai genitori, (in aggiunta all’atto di nascita per l’ingresso in Botswana, Sudafrica e Zimbabwe) è richiesta anche una dichiarazione giurata (in forma di affidavit) riportante il consenso dei genitori o dei tutori